Giovani

Progetto Policoro

Progetto Policoro

Le origini

Si tratta di un progetto nato nel 1995 a Policoro, cittadina della Basilicata, in provincia di Matera. Promosso dall’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della CEI, con l’obiettivo di affrontare il nodo della disoccupazione giovanile, in primo luogo al Sud, partendo dalla valorizzazione delle risorse dei giovani stessi, della loro dignità.

A chi è rivolto il progetto

Protagonisti dell’azione di rinnovamento devono essere anzitutto i giovani, chiamati a farsi costruttori di una nuova società. Nell’esperienza del Progetto Policoro la proposta di evangelizzazione nei confronti dei giovani disoccupati, precari o in nero costituisce il punto di partenza dell’impegno, quello che caratterizza tutta la sollecitudine pastorale nei confronti di quanti vivono il dramma della mancanza di lavoro o la situazione dei “cattivi lavori”. Si avvalora così la necessità di un radicale cambiamento di mentalità e di cultura che porti il giovane ad attivare le sue potenzialità in un’ottica di imprenditorialità personale.

Gli obiettivi

Lo scopo è quello di accompagnare i giovani nella ricerca attiva del lavoro e laddove possibile alla creazione d’impresa, attraverso percorsi formativi in grado di orientarli rispetto alla loro vocazione umana e professionale. Il Progetto Policoro, ad oggi, ha promosso la nascita di centinaia di gesti concreti (esperienze lavorative come consorzi, cooperative, imprese) che danno lavoro a migliaia di giovani e che hanno il senso di tracciare una strada possibile, di ridare fiducia alle persone, di proporre un modo diverso di vivere l’impegno civile, di richiamare all’assunzione di responsabilità individuali e comunitarie. I corsi realizzati e le cooperative sorte in questi anni di attività del Progetto dimostrano il valore economico e sociale dell’iniziativa ecclesiale, ma ancor di più i giovani, soprattutto donne, coinvolti attivamente sono testimonianza di crescita culturale nella speranza, nella legalità e nella solidarietà. Il Progetto promuove la formazione e la collaborazione nella reciprocità tra le Chiese in Italia, potendo contare sulla fattiva collaborazione di aggregazioni laicali che si ispirano all’insegnamento sociale della Chiesa.
Animatore di comunità: Paolo Cristina
Tutor: Carlo Greco